30 luglio 2021

An interview with former DEA agent Jeffrey James Higgins

We've just published our our YouTube channel an interview with former DEA agent Jeffrey Higgins. In the interview we talk about drug trafficking and what DEA does to fight it.


15 luglio 2021

Trovati due cadaveri nella ex villa di Gianni Versace a Miami Beach

La polizia di Miami Beach ha comunicato con un post su Facebook che nel pomeriggio di ieri, 14 luglio, due cadaveri sono stati trovati in una stanza dell'albergo che dal 2015 ha sede nella Villa Casa Casaurina, che fu acquistata da Gianni Versace nel 1992 e nei pressi della quale lo stilista fu ucciso nel 1997 dallo spree killer Andrew Cunanan.

Secondo quanto riportato da The Daily Beast, la stanza non era in disordine e si è trattato di un caso di omicidio-suicidio frutto di un accordo tra i due uomini. Il ritrovamento dei cadaveri è avvenuto un giorno prima del ventiquattresimo anniversario della morte di Versace.

6 luglio 2021

Morto James Kallstrom, investigatore capo dell'FBI per l'indagine sul volo TWA 800

É morto all'età di 78 anni l'ex Assistente Direttore dell'FBI James Kallstrom, uno degli agenti più famosi del bureau noto per le sue molte apparizioni sui media e per le indagini di alto profilo in cui è stato coinvolto.

Nato il 6 maggio del 1943 a Worcester, nel Massachusetts, si laureò alla University of Massachusetts Amherst nel 1966 e subito dopo entrò nei Marines dove rimase fino al 1970 quando lasciò con il grado di capitano, in questo quadriennio fu inviato due volte in Vietnam durante la guerra.

Dal 1970 al 1997 lavorò all'FBI. Fu agente supervisore dell'indagine contro Cosa Nostra a New York che portò nel 1985 al processo alla cosiddetta Commissione Mafiosa che vide come imputati i boss delle cinque famiglie mafiose più influenti di New York (Gambino, Genovese, Colombo, Lucchese e Bonanno). Fu anche il coordinatore della sorveglianza nell'indagine Pizza Connection che nel 1987 portò al processo contro ventidue mafiosi di origine siciliana.

Divenne responsabile dell'ufficio di New York, il più grande di tutti gli Stati Uniti, nel 1995 e l'anno seguente fu investigatore capo nell'indagine sull'esplosione del volo TWA 800 (all'epoca il secondo più grave incidente aereo della storia americana) le cui conclusioni portarono a importanti migliorie nella sicurezza aerea. A metà degli anni 90 fu anche uno dei fondatori dell'organizzazione Marine Corps - Law Enforcement Foundation che si occupa di fornire aiuti economici per lo studio ai figli di militari o agenti delle forze dell'ordine morti in servizio.

Si ritirò dall'FBI il 31 dicembre del 1997 e lavorò per quattro anni nell'ambito della finanza per una società privata. Tornò nel settore pubblico dopo l'11 settembre come capo dell'ufficio per la sicurezza pubblica di New York. Ricoprì il ruolo fino al 2002 quando divenne consulente senior sull'antiterrorismo dello Stato di New York per il governo.

James Kallstrom partecipò anche a numerosi documentari sulle indagini in cui fu coinvolto e fu anche presentatore del programma The FBI Files di Discovery Channel.



Fonti:

18 giugno 2021

Death of Elisa Lam: an interview with LAPD Detective Supervisor Jim McSorley

We have just published on our YouTube channel our interview with LAPD detectve supervisor Jim McSorley about the disappearance and death of Elisa Lam, a 21 year old Canadian girl who was found dead in a water tank on the roof of the Cecil Hotel in downtown Los Angeles in February 2013.

Lam's death received massive media attention when it happened because it sparked conspiracy theories (all of which have been since debunked) and it was recently brought back to the public's attention because of a recent TV series by Netflix, in which Jim McSorley was featured, called Crime Scene: The Vanishing at the Cecil Hotel.


4 giugno 2021

SanPa: la serie di Netflix su San Patrignano

Dall'inizio del 2021 SanPa: Luci e tenebre di San Patrignano è tra le serie più viste su Netflix, e non potrebbe essere diversamente vista l'importanza e l'attualità dei temi trattati e visto quanto gli stessi facciano ancora discutere. La serie in cinque puntate racconta la storia della comunità per il recupero di tossicodipendenti sorta a Coriano, in provincia di Rimini, dalla fondazione fino alla morte del suo celebre fondatore Vincenzo Muccioli.


SanPa ricostruisce la storia della comunità attraverso il racconto diretto di moltissime persone coinvolte: dalla famiglia di Muccioli, ai ragazzi che ci hanno vissuto, dai suoi oppositori fino ai suoi sostenitori. Il quadro che ne emerge è quanto più complesso non potrebbe essere; fin da subito infatti Muccioli usò tecniche non ortodosse, rinunciando all'uso del metadone e curando i tossicodipendenti solo con la comprensione e riempiendo le loro vite di attività diverse nella cura degli animali e nel lavoro presso la comunità. In breve tempo San Patrignano crebbe e la gestione divenne sempre più complicata; Muccioli delegò alcune responsabilità alle persone sbagliate e la mortale combinazione di responsabili violenti e dell'illusione che la tossicodipendenza si possa sconfiggere senza l'aiuto della medicina portò la comunità a perdere il controllo, almeno in parte, di ciò che succedeva al suo interno. Il risultato furono reclusioni, incatenamenti, pestaggi, suicidi, stupri e almeno in un caso anche un omicidio.

Muccioli dovette affrontare ovviamente anche conseguenze legali che andarono dall'abuso edilizio, fino al favoreggiamento nell'omicidio di Roberto Maranzano, uccio a San Patrignano e gettato in una discarica a Napoli in modo da sviare la indagini. La serie dà egual spazio agli estimatori di Muccioli e ai suoi detrattori, lasciando allo spettatore il compito di trarre le proprie conclusioni. Conclusioni che in realtà sono impossibili da trarre. Il quadro più probabile che ne emerge è quello di un uomo animato da buone intenzioni, che si è poi trovato a fronteggiare una situazione incredibilmente complessa e cresciuta oltre le sue previsioni iniziali. Secondo i sostenitori, Muccioli dovette collaborare nella copertura dell'omicidio per evitare che la comunità crollasse e i ragazzi ricadessero nella tossicodipendenza; dovette quindi nascondere una morte per evitare che ne seguissero altre migliaia. Secondo gli accusatori, nessuna buona intenzione può giustificare il sostegno anche tacito a degli assassini. Impossibile districarsi in questo guazzabuglio. Il gomitolo si intreccia ancora di più nel finale che tratta della morte del fondatore, le cui cause sono ancora avvolte nel mistero e su cui aleggia il dubbio che abbia contratto l'AIDS all'interno della comunità stessa.

Alla fine la conclusione più equilibrata sembra essere quella di sospendere il giudizio: Muccioli non era un eroe e nemmeno un criminale. Vincenzo Muccioli era un uomo sicuramente coraggioso, che si è imbarcato in un'avventura gigantesca che lo ha costretto a compromessi alle volte orribili. Se abbia fatto bene o meno è probabilmente una domanda senza risposta.

28 maggio 2021

DC Sniper: an interview with former Maryland State Police Department lieutenant David Reichenbaugh

We've published on our YouTube channel our interview with former Maryland State Police Department lieutenant David Reichenbaugh who was one of the investigators involved in the case of the DC Sniper, who in the fall of 2002 killed ten people and injured three more.

We would like to thank Mr Reichenbaugh for his time and for his help.



1 maggio 2021

Death of Elisa Lam: an interview with private investigator Greg Kading

We have just published on our YouTube channel our interview with private investigator Greg Kading (who also led the task force which investigated the deaths of Tupac and Notorious BIG) about the disappearance and death of Elisa Lam, a 21 year old Canadian girl who was found dead in a water tank on the roof of the Cecil Hotel in downtown Los Angeles in February 2013.

Lam's death sparked many conspiracy theories, specifically because of a surveillance video that shows her in an elevator behaving as if she was having hallucinations, all of which have been debunked but still get pushed by conspiracy theorists.